Udienza generale 27 maggio 2015

Mercoledì, 27 maggio 2015
 
Alle ore 12.15 di oggi, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza i partecipanti al Capitolo Generale dell’Ordine dei Frati Minori.
 
Pubblichiamo di seguito il Messaggio inviato dal Santo Padre Francesco al Procuratore Generale della Confederazione dell’Oratorio di San Filippo Neri, P. Mario Alberto Avilés, per il V centenario della nascita del Santo, del quale ricorre oggi la memoria liturgica:
 
Pubblichiamo l’intervista rilasciata dal Papa il 21 maggio e uscita sul quotidiano argentino «La Voz del Pueblo» di Tres Arroyos (Buenos Aires) del 24 maggio.

di JUAN BARRETTA

Da solo con Papa Francesco nella sua residenza di Santa Marta, in Vaticano. Un faccia a faccia storico, in cui una delle personalità più importanti del mondo ha parlato della sua vita personale. «Voglio che mi ricordino come una brava persona», e dal profondo del cuore ammette: «La gente mi fa bene». In una semplice saletta della residenza di Santa Marta, in Vaticano, Papa Francesco ha ricevuto «La Voz del Pueblo», senza la presenza di terzi e a una sola condizione: «L’unica cosa che ti chiedo è di giocare pulito», ha detto prima che accendessi il registratore. Poi, nei quarantacinque minuti che è durato il nostro incontro, mi ha confessato che in altri tempi ha provato «panico davanti ai giornalisti». È chiaro che si tratta di un trauma superato. Jorge Bergoglio ha avuto il coraggio di ripercorrere la sua vita personale, rispondendo volentieri e accompagnando le parole con gesti quando la domanda lo entusiasmava, ma anche in modo secco e tagliente davanti a una domanda la cui risposta avrebbe potuto suscitare molto clamore al di fuori delle mura vaticane. La solitudine, la pizza, la paura del dolore fisico, il suo magnetismo, le cose che lo fanno piangere, le pressioni, la televisione, il valore delle utopie... Questi sono stati alcuni dei temi trattati durante la nostra chiacchierata, che ha avuto come punto di partenza la sua nomina.
 

Cesellatore di anime

Pubblichiamo il messaggio di Papa Francesco per il quinto centenario della nascita di san Filippo Neri.

Al Reverendo P. MARIO ALBERTO AVILÉS, C.O.
Procuratore Generale della Confederazione dell’Oratorio di San Filippo Neri

Il quinto centenario della nascita di san Filippo Neri, nato a Firenze il 21 luglio 1515, mi offre la felice occasione di unirmi spiritualmente all’intera Confederazione dell’Oratorio, per ricordare colui che ha vissuto per sessant’anni nell’Urbe meritando l’app ellativo di “Apostolo di Roma”. Il suo percorso esistenziale è stato profondamente segnato dal rapporto con la persona di Gesù Cristo e dall’impegno di orientare a Lui le anime affidate alla sua cura spirituale; in punto di morte raccomandava: «Chi cerca altro che Cristo, non sa quel che si voglia; chi cerca altro che Cristo, non sa quel che dimandi». Da questa fervida esperienza di comunione con il Signore Gesù nasceva l’Oratorio, realtà ecclesiale caratterizzata da intensa e gioiosa vita spirituale: preghiera, ascolto e conversazione sulla Parola di Dio, preparazione a ricevere degnamente i Sacramenti, formazione alla vita cristiana attraverso la storia dei Santi e della Chiesa, opere di carità a favore dei più poveri.
 

Regina Caeli 24 maggio 2015

Alle ore 12 di oggi, Solennità di Pentecoste, il Santo Padre Francesco si è affacciato alla finestra dello studio nel Palazzo Apostolico Vaticano per recitare il Regina Cæli con i fedeli ed i pellegrini convenuti in Piazza San Pietro per il consueto appuntamento domenicale.
 
Alle ore 10 di oggi, Domenica di Pentecoste, il Santo Padre Francesco ha presieduto nella Basilica Vaticana la Santa Messa del giorno. Hanno concelebrato Cardinali, Arcivescovi, Vescovi e Sacerdoti.
 
Pubblichiamo di seguito il Messaggio del Santo Padre Francesco per l’89.ma Giornata Missionaria Mondiale, che si celebra domenica 18 ottobre 2015:
 
In occasione della giornata di dialogo e preghiera organizzata ieri, sabato 23 maggio, dalla diocesi di Phoenix (USA) in collaborazione con un gruppo di Pastori evangelici di orientamento Pentecostale, tra i quali il Pastore casertano Giovanni Traettino, il Santo Padre ha inviato ai partecipanti un videomessaggio.
 
«Ha costruito la pace con la forza dell’amore» rendendo «testimonianza della fede con la sua vita dedita fino all’estremo»: così Francesco ricorda Óscar Arnulfo Romero Galdámez, beatificato sabato 23 maggio a San Salvador. Pubblichiamo di seguito in una n o s t ra traduzione la lettera papale inviata all’arcivescovo della capitale salvadoregna, monsignor José Luis Escobar Alas, in occasione della cerimonia presieduta dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi.

 
Alle ore 12.15 di oggi, nell’Aula Paolo VI, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza le ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani), in occasione del 70° anniversario della loro fondazione.
 

Donne verso l’Agenda per lo Sviluppo post-2015

Pubblichiamo di seguito il Messaggio che il Santo Padre Francesco ha inviato al Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, il Card. Peter Kodwo Appiah Turkson, in occasione della Conferenza Internazionale “Donne verso l’Agenda per lo Sviluppo post-2015: quali sfide dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS)?” (Roma, 22-24 maggio 2015), promossa e organizzata dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace insieme alla World Union of Women’s Catholic Organisations (WUCWO) e alla World Women’s Alliance for Life and Family (WWALF):
 
A cura di P. Pietro Messa, ofm

Lo consapevolezza dell’azione dello Spirito Santo è testimoniata da tante preghiere, poesie e scritti. Basti pensare al famoso inno Pentecoste di Alessandro Manzoni. Ecco di seguito una poesia, o meglio un’invocazione della venerabile clarissa Francesca Farnese (1593-1651).  
 
La presenza disponibile e generosa del Santo Padre ha aperto la 68ª Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana, riunita nell’Aula del Sinodo della Città del Vaticano da lunedì 18 a giovedì 21 maggio 2015, sotto la guida del Cardinale Presidente, Angelo Bagnasco, Arcivescovo di Genova.
 
Alle ore 12 di questa mattina, nell’Aula Paolo VI, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza i familiari delle vittime e dei caduti in servizio della Polizia di Stato italiana.
 

Udienza generale 20 maggio 2015

Piazza San Pietro
Mercoledì, 20 maggio 2015
 
Alle ore 16.30 di questo pomeriggio, nell’Aula nuova del Sinodo, il Santo Padre Francesco ha aperto i lavori della 68ma Assemblea della Conferenza Episcopale Italiana (C.E.I.) che si svolgono in Vaticano da oggi e fino al 21 maggio sul tema “Verifica della recezione dell’Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium.
 
Questa mattina, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza le Religiose Carmelitane da Betlemme e dal Medio Oriente e le Suore del Rosario di Gerusalemme, convenute per la Canonizzazione di Miriam di Gesù Crocifisso e Alfonsina Danil Ghattas.
 
Un luogo comune è che la spiritualità ha acquisito una dimensione liturgica solo con il concilio Vaticano II. Tale affermazione è smentita da diverse testimonianze, tra cui quella della venerabile clarissa Francesca Farnese (1593-1651) che compone delle poesie in cui contemporaneamente esprime e forma la spiritualità sua e della comunità clariana in cui vive. Proprio tali testi mostrano di seguire le principali feste e tempi liturgici come mostra la sottostante composizione dedicata all’ascensione di Gesù.