Una casa comune per l'America

Omaggio alla Vergine di Guadalupe

Nell'ambito del pellegrinaggio-incontro svoltosi nei giorni scorsi presso il santuario di Nostra Signora di Guadalupe, a Città del Messico, il cardinale prefetto della Congregazione per i vescovi e presidente della Pontificia Commissione per l'America latina - che ha promosso l'iniziativa con la collaborazione dei Cavalieri di Colombo e dell'Istituto superiore di studi guadalupani - ha tenuto la meditazione della quale pubblichiamo un ampio stralcio.

di Marc Ouellet

"L'America, che storicamente è stata ed è crogiolo di popoli, ha riconosciuto nel volto meticcio della Vergine di Tepeyac, "in Santa Maria di Guadalupe, un grande esempio di evangelizzazione perfettamente inculturata". Per questo, non solo al Centro e al Sud, ma anche nel Nord del Continente, la Vergine di Guadalupe è venerata come Regina di tutta l'America" (Ecclesia in America, 11).
Salute a te, o nostra regina!
 

Maria Immacolata nelle laudi del Bianco da Siena

A cura di Pietro Messa

Nel volume Il Bianco da Siena, Laudi, Edizione critica a cura di Silvia Serventi (Medioevo, 23), Antonianum, Roma 2013, si offre per la prima volta in modo unitario il corpus del più fecondo tra gli autori di laudi. Il Bianco da Siena, vissuto nella seconda metà del Trecento, è il principale laudografo della «brigata» dei seguaci del mercante senese Giovanni Colombini, poi detti Gesuati poiché andavano spesso ripetendo il nome di Gesù. Alcuni tratti della loro spiritualità, soprattutto il rifiuto degli ordini sacri, la scelta di vita estremamente povera e umile, la mistica letizia che si esprime in canti avvicinano i seguaci del Colombini a Francesco d’Assisi; occorre peraltro ricordare che l’ambiente senese del secondo Trecento era ricco di significative e svariate esperienze religiose, dalla terziaria domenicana Caterina Benincasa, agli agostiniani dell’eremo del Lecceto, dal certosino Pietro Petroni, fino ai disciplinati dell’ospedale di Santa Maria della Scala. Questo straordinario milieu spiega in buona parte la ricchezza di temi presenti nell’ampio laudario del Bianco. Le centoquarantotto laudi presentate sono edite partendo da una revisione dell’edizione ottocentesca curata da Telesforo Bini, con l’aggiunta dei testi pubblicati separatamente da Franca Ageno e delle laudi presenti in due testimoni manoscritti conservati rispettivamente a Parma e a Toledo. La varietà tematica impone di tenere conto di numerose fonti, dalle Sacre Scritture ai Padri della Chiesa, da Ugo di Balma a scrittori in volgare quali il Colombini e Iacopone, dal quale il Bianco riprende temi, ma soprattutto la volontà di comporre un laudario “personale”. Il testo è preceduto dalla descrizione, caratterizzazione e classificazione dei numerosi testimoni manoscritti e a stampa e le laudi sono corredate da brevi introduzioni, dal glossario e dagli indici, che rendono almeno in parte l’idea della ricchezza linguistica, stilistica, storica e teologica di questa raccolta poetica.

Tra i numerosi aspetti presenti nelle laudi del Bianco da Siena non secondario è quello mariano, come mostra la lauda XXVI, piuttosto diffusa e presente nelle diverse antiche edizioni di laudi di Leonardo Giustiniani. La lode pare riecheggiare la preghiera dantesca di san Bernardo nell’ultimo canto del Paradiso - come si vede dall’insistenza iniziale del suo triplice ruolo di madre, figlia e sposa - e riprende i numerosi appellativi litanici della Vergine. Da notare l’accenno al mistero dell’immacolata concezione di Maria (vv. 36-40), ancora controverso, e il rilievo dato al suo ruolo di mediatrice (si veda soprattutto il v. 48 dove è impiegato il termine “avvocata”).



[c. 52v]                        Vergine benedetta,
                                  Madre del Salvatore
                                  laude, gloria e honore
                                  a tte, donna dilecta.

                                  O dilectosa Madre,                                                                  5
                                  del cielo incoronata,
                                  dal sempiterno Padre
                                  sè figliuola chiamata;

                                  per madre t’à donata
                                  al suo figliuol dilecto;                                                              10
                                  dell’amor benedecto
                                  tu sè sposa perfecta.

                                  Tu sè perfecta sposa
                                  dello Spirito Sancto,
                                  per te, candida rosa,                                                               15
                                  tolto fu el nostro pianto,

                                  per te fan sempre canto
                                  gli angioli tutti quanti,
                                  tutte le sancte e ’ sancti,
                                  ciascun per te, dilecta.                                                 20

                                   Per te ciascun gaude
                                   in quel celeste regno,
                                   per te rendendo laude
                                   al tuo figliuol benigno,

                                   per cui ciascun v’è degno                                                        25
                                   di veder sempre Dio,
                                   il qual con gran disio
                                   e peccatori aspecta.

                                    Aspecta tutti quegli
                                    che voglion ritornare,                                                               30
                                    il qual volse per egli
                                    el suo figliuol mandare

                                   nel mondo ad incarnare
                                   di te, fontana viva,
                                   sopra le donne diva,                                                                35
                                   d’ogni peccato netta.

                                    D’ogni peccato monda
                                    tu fusti, solamente,
                                    o regina gioconda,
                                    d’ogni vertù lucente.                                                                40

                                    Tu sè quella piacente
                                    a ccui mi raccomando:
                                    prego tragghi di bando
                                    l’anima mia infecta.

[c. 53r]                          L’anima mia sbandita                                                               45
                                    dalla vita beata
                                    per te sia ribandita,
                                    dolce mi’ avocata.

                                    Per te sie colocata
                                    co la bontà divina,                                                                   50
                                    per te, alta regina,
                                    l’amore in cuor mi metta.

                                    L’amor mi sie donato
                                    per te, donna gioconda,
                                    che me facci infiamato                                                 55
                                    col cuor e mente monda.

                                    L’anima setibonda
                                    sempre sia ad amare
                                    quell’amor sença pare
                                    al quale stie suggetta.                                                             60

                                    Suggetta stia a quello
                                    amor consolatore
                                    e al divin Agnello
                                    e al Padre factore,

                                    al quale a tutte l’ore                                                                 65
                                    laude e gloria sia
                                    e a te, Madre pia,
                                    sopr’ogni benedecta.

                                    Benedecta e laudata
                                    sie tu, alta regina,                                                                    70
                                    per cui la gratia è data
                                    dalla bontà divina.

                                    L’anima mia s’inchina
                                    a te con tutto ’l core,
                                    desiderando amore                                                                 75
                                    e carità perfecta.

                                    Perfecta caritade
                                    concede a tutti quanti
                                    gli electi in veritade
                                    in que’ superni canti,                                                                80

                                    sì che co’ triunfanti
                                    laudian sença fallança
                                    la divina sustança
                                    in Trinità perfecta.

                                               Deo gratias. Amen.



 
Catechesi a cura di Paul Freeman - S. Maria degli Angeli 1993

Questa mattina ero indeciso se attingere alla fonte della liturgia con le letture del giorno, oppure preparare qualcosa di particolare per il nostro cammino, e allora ho pensato bene anche se siamo un po'  in anticipo di amministrarvi una riflessione sulla figura di Maria, di Maria la madre di Gesù e Maria nostra madre.
Questo perché nel mese di Maggio abbiamo questa occasione preziosa in cui possiamo entrare in intimità con Lei.
Abbiamo ascoltato dal Vangelo come Giovanni la prese in casa sua; ecco prendere Maria nella nostra casa vuol dire fare quello che ha fatto Giovanni e Giovanni è uno che ha vissuto con lei gomito a gomito, è stata la sua presenza per quasi trentanni, così dice la tradizione, prima che lei fosse assunta in cielo.
Giovanni ha conosciuto Maria, qesta testimone silenziosa, discreta, di eventi straordinari, i più grandi che sono mai apparsi sulla terra.
Giovanni l'ha conosciuta con una intimità non comune, perché con lei parlava di Gesù, con lei condivideva i ricordi, i ricordi che forse lei stessa non aveva detto a nessun altro e che ci sono dati con molta essenzialità nei vangeli.
In tutti gli scritti di Giovanni traspare questa intimità che lui aveva con Gesù, ma soprattutto l'intimità che Maria gli aveva trasmesso con Gesù.
Maria è l'intima che conosce Gesù come nessun altro e così sarà sempre, Maria conosce Gesù come nessun altro.
La pietà popolare, ci ha distorto, talvolta, un pochino con forme edulcorate la visione di Maria, forse un po' pietistiche, e ci ha allontanato da questa verità che è profondamente biblica, profondamente teologica e spirituale, che Maria sempre, sempre, ci dona Gesù.
Ecco perchè prenderla nella nostra casa, diventare intimi con lei, prenderla fra le cose più care vuol dire avere un'occasione straordinaria, un trampolino di lancio, affettivo ed effettivo, un trampolino spirituale per incontrare Cristo Gesù.
E il mese di Maggio si rivolge a noi come questa occasione propizia per prenderla come amica, come Madre, come direttore spirituale perché ci guidi a Gesù. 
 

Il sì che diventa offerta di sé

di INOS BIFFI

La storia di Maria incomincia con l’elezione divina che la predestinò a essere la madre del Figlio di Dio. A quella scelta corrispose la sua l’obbedienza e quindi la sua disponibilità ad associarsi alla passione di Gesù, per divenire comunione alla sua gloria con l’assunzione al cielo. È una storia singolare ed esemplare, che incomincia con lo sguardo di Dio posato fin dal principio sulla Vergine. «Grandi cose» egli ha fatto in lei con la potenza del suo amore, e questo solo per grazia di là da ogni merito: una grazia che oltrepassa la stessa consapevolezza della Madre di Dio, concepita immacolata in vista del sacrificio della cro ce.
 

Il perché di un innegabile protagonismo in ambito mariano

Anticipiamo ampi stralci della prolusio-ne su Vaticano II e mariologia postcon-ciliare che il cardinale prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi tiene nel pomeriggio di oggi, martedì 4, aprendo a Roma il convegno della Pontificia academia mariana internationalis.
di Angelo Amato

Inaugurando la corretta impostazio-ne teologico-dogmatica del discorso su Maria, il concilio di Efeso indicò l’alveo idoneo per l’approfondimento dottrinale del mistero della beata Vergine, per una sua valida celebra-zione liturgica e devozionale e per una sua adeguata rappresentazione iconografica.
 

Una tomba che diviene scala per il cielo

di Manuel Nin
Benedettino
Rettore del Pontificio Collegio Greco

Tutte le liturgie delle Chiese cristiane hanno un senso pedagogico - o, meglio, mistagogico - molto chiaro. Questo aspetto è sottolineato chiaramente nelle liturgie dell'Oriente cristiano:  la liturgia è come un maestro nella fede, impregnata com'è di elementi che istruiscono i fedeli nelle verità della fede. Troviamo questa dimensione della liturgia in particolare nelle celebrazioni della Madre di Dio, colei che accolse nel suo grembo il Verbo eterno di Dio. La presenza di Maria scandisce i diversi momenti dell'anno liturgico delle Chiese di tradizione bizantina:  la prima grande festa nel ciclo liturgico è quella dell'8 settembre, cioè la nascita della Madre di Dio, e si chiude con la festa del 15 agosto, la sua Dormizione. Tutto il mistero di Cristo che si celebra lungo l'anno liturgico ha inizio con la nascita di Maria e si chiude con il suo transito e la sua piena glorificazione.
 
DISCORSO DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XVI

Basilica di Santa Maria Maggiore
Sabato, 3 maggio 2008

Cari fratelli e sorelle,

al termine di questo momento di preghiera mariana, desidero rivolgere a tutti voi il mio cordiale saluto e ringraziarvi per la vostra partecipazione. Saluto in particolare il Cardinale Bernard Francis Law, Arciprete di questa stupenda Basilica di Santa Maria Maggiore. Questo è, in Roma, il tempio mariano per eccellenza, in cui il popolo della Città venera con grande affetto l'icona di Maria Salus Populi Romani. Ho accolto volentieri l'invito che mi è stato rivolto nel primo sabato del mese di maggio, a guidare il santo Rosario, secondo la bella tradizione che ho vissuto fin dalla mia infanzia. Nell'esperienza della mia generazione, infatti, le sere di maggio rievocano dolci ricordi legati agli appuntamenti vespertini per rendere omaggio alla Madonna. Come, infatti, dimenticare la preghiera del Rosario in parrocchia oppure nei cortili delle case e nelle contrade dei paesi?
 

E alla fine Duns Scoto mise tutti d'accordo

Come per altri dogmi definiti dall'autorità conciliare e pontificia, è stato il sensus fidelium, espresso soprattutto nella pietà liturgica e nella devozione popolare, a incalzare teologi e Papi nella ricerca e nell'approfondimento teologico della verità e alla definizione del mistero-evento della sublime redenzione della predestinata Madre del Figlio di Dio. Lunga e irta di difficoltà è stata la strada che ha condotto al dogma. Grandi santi, teologi e scuole teologiche si sono progressivamente schierati pro o contro.
 

150 anni fa, la Madonna appariva a Lourdes

UN MIRACOLO permanente di nome BERNADETTE
 
     In tutto il mondo cattolico si festeggia il centocinquantesimo anniversario delle apparizioni della Madonna a Lourdes, che iniziarono appunto l'11 febbraio del 1858. In genere, in queste occasioni, si usa ricordare  la storia dell'evento, il suo significato religioso, i miracoli che nel corso degli anni si sono verificati in quella cittadina francese, ai piedi dei Pirenei, diventata sinonimo di "grazie", di "guarigioni prodigiose".  Raramente ci si sofferma a ricordare la veggente, Bernadette Soubirous, scelta dalla Vergine per diventare "mezzo" di congiunzione tra il cielo e  la terra. Ed è molto interessante osservare che tipo di "mezzo" abbia scelto la Madonna per trasmettere il suo messaggio nel corso di questo evento così straordinario. La Vergine posò i suoi occhi e la sua benevolenza su una ragazza umilissima, poverissima, la più umile e povera che poteva forse trovare. Ma che, nella sua umiltà e nella sua povertà custodiva il grande dono della fede vera e dell'amore concreto per Dio e per il prossimo.  Apparentemente, Bernadette  era una nullità, in realtà era una grande santa, l'innocenza personificata,  così vicina a Dio da attrarre la predilezione dalla Vergine Santissima.
 
Immacolata Concezione:
Il dono: essere fuoco nel fuoco



 "In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo,
per essere santi e immacolati al suo cospetto nella carità"
(Ef. 1,4)

Tra le tante cose che possiamo dire nella Solennità dell'Immacolata Concezione di Maria vi è quella della significazione tutta cristologica di un dono battesimale dato ad ogni uomo perché cresca e si elevi alla statura di Cristo.

Sebbene il Battesimo sia un dono che viene fatto ad una persona "ferita" esso non è solo medicamento della colpa originaria, incorporazione trinitaria, adozione filiale e "forza" per essere ciò che siamo.. ma, anche, specchio di ciò che saremo nel cuore di Dio. Un dono che attende di farsi storia e responsabilità.
 

Benedetta tu fra le donne

 l'attesa e la gioia della vita nuova 

"Benedetta tu fra le donne  e benedetto il frutto del tuo grembo"
(Lc. 1,42)

Sulla vicenda di stupore e di molteplicità esperienziale di una donna che aspetta una vita nuova che germoglia nel suo seno si è scritto tanto, sia dal punto di vista medico, che dal punto di vista psicologico ed esistenziale.

L'aspetto che noi credenti in Cristo più trascuriamo dal punto di vista umano e della fede è quello per cui si fa appartenere la maternità di Maria ad una dimensione così straordinaria e particolare a prescindere da tutti quegli aspetti umani che sicuramente l'accompagnarono. Questa "povertà" narrativa non nasce certo dalla essenzialità dei vangeli ma probabilmente da un approccio del tutto maschile alla fede; approccio sicuramente valido ma ovviamente limitato nella "percezione del mistero".
 

Solennità dell'Assunta, omelia di papa Benedetto XVI

Cari fratelli e sorelle,
nella sua grande opera "La Città di Dio", Sant'Agostino dice una volta che tutta la storia umana, la storia del mondo, è una lotta tra due amori: l'amore di Dio fino alla perdita di se stesso, fino al dono di se stesso, e l'amore di sé fino al disprezzo di Dio, fino all'odio degli altri. Questa stessa interpretazione della storia come lotta tra due amori, tra l'amore e l'egoismo, appare anche nella lettura tratta dall'Apocalisse, che abbiamo sentito ora. Qui, questi due amori appaiono in due grandi figure. Innanzitutto vi è il dragone rosso fortissimo, con una manifestazione impressionante ed inquietante del potere senza grazia, senza amore, dell'egoismo assoluto, del terrore, della violenza.
 

Maria Assunta in cielo

"Beata colei che è la credente nell'adempimento delle parole del Signore" Nella chiusura di questo mese di Maggio e nell'attesa della imminente festa di Pentecoste urge una considerazione del tutto particolare sulla figura di Maria Vergine, la madre di Gesù.

Già S. Agostino puntualizzò che la grandezza di Maria non è stata tanto quella di essere la Madre di Gesù ma piuttosto quella di aver creduto nella Parola di Dio.

Anzi il testo greco nel suo originale dovrebbe riportare in italiano la traduzione che da l'inizio a questa riflessione. Maria infatti non è straordinaria perché ha creduto ma piuttosto perché, nella sua ordinarietà, è stata la "credente" in Dio e nella Sua Parola, sempre!

Ciò che infatti mette in gioco chi sta alla sequela di Cristo non è tanto il suo credere di un momento, né la sua adesione formale alla fede ma piuttosto colui che vive del credere in Lui, costantemente, in mezzo alla variegata ricchezza della vita, fatta di giornate solari e di giornate oscure, di grazia e di infedeltà con il peccato.
 

Storia del Rosario

di Massimo Introvigne
Da dove viene il Rosario, ancora oggi la preghiera preferita da centinaia di milioni di cattolici in tutto il mondo? Anne Winston-Allen, docente di germanistica alla Southern Illinois University, negli Stati Uniti d'America, fa il punto sulla questione - per la verità non poco controversa - in un volume pubblicato dalla Pennsylvania State University Press: Stories of the Rose. The Making of the Rosary in the Middile Ages, "Storie della rosa. La formazione del rosario nel medioevo" [1].