Settimana unità cristiani. Koch: avanti col dialogo ecumenico

papa turchia bartolomeoDomani inizia la Settimana di preghiera per l’Unità dei Cristiani sul tema “Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio” (cfr. 1 Pietro 2, 9).  Il testo del sussidio di quest’anno giunge dalla Lettonia. Sul tema di questa Settimana ascoltiamo il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, al microfono di Philippa Hitchen:

 


R. – Wir haben als Leitwort dieses schöne Wort, dass wir berufen sind, die Großtat Gottes zu verkünden …
Il nostro motto è quella bella espressione secondo la quale siamo chiamati ad annunciare le grandi opere di Dio. Il testo biblico dice che per un certo tempo siamo stati esclusi dalla misericordia di Dio, mentre ora invece ci è consentito vivere della sua misericordia. In questo c’è una bella coincidenza con il Giubileo della Misericordia e questo Giubileo è un’occasione per riflettere tutti insieme sul nucleo della fede cristiana. L’ecumenismo non significa soltanto ragionare delle questioni impegnative che ancora ci dividono, ma approfondire insieme il nucleo, il cuore della fede cristiana: per fare questo, il Giubileo della Misericordia e la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani sono una buona opportunità.

D. – L’anno appena iniziato si configura come un anno importante per i rapporti ecumenici, a iniziare dal 500.mo anniversario dell’inizio della Riforma; a questo proposito, voi avete già pubblicato delle linee guida in ambito liturgico …

R. – Ja, wir haben bereits ein Dokument veröffentlicht, das heißt “Vom Konflikt zur Gemeinschaft” …
Sì, abbiamo già pubblicato un documento che si chiama “Dal conflitto alla comunione“ nel quale vogliamo manifestare in quale modo sia possibile celebrare insieme l’evento della Riforma. Sulla base di questo documento, un gruppo di lavoro ha elaborato elementi liturgici che ci possono consentire di celebrare insieme la commemorazione dell’inizio della Riforma. Questo documento verrà inviato dalla Federazione luterana mondiale e da noi. Poi stiamo lavorando alla preparazione dell’incontro liturgico tra luterani e cattolici a livello mondiale, che è programmato per la fine di ottobre a Lund, in Svezia. Lund è il luogo in cui è stata istituita la Federazione luterana mondiale. L’idea bella che hanno avuto i luterani è stata di aver detto, fin dall’inizio, che non sono i luterani che invitano noi cattolici, ma saranno i luterani e i cattolici che insieme inviteranno gli altri. Spero che questo evento che si celebrerà a Lund possa approfondire l’unità tra luterani e cattolici e possa rappresentare un bel passo ampio sulla strada della piena unità.

D. – Per molti il periodo della Riforma rappresenta un periodo di conflitto …

R. – Zunächst einmal müssen wir das sehr ernst nehmen, weil die Reformation ja nicht nur …
Intanto, è necessario prenderla molto sul serio questa cosa, perché la Riforma non ha portato soltanto la riscoperta della Bibbia e la Dottrina della Giustificazione – per esempio – ma ha anche portato alla separazione e ha provocato orribili guerre di religione nel XVI e nel XVII secolo. Ancora recentemente, Papa Francesco ha detto: “Se guardiamo ai combattimenti cruenti tra sunniti e sciiti, dobbiamo ricordarci che abbiamo fatto la stessa cosa tra luterani e cattolici”. In questo senso, dobbiamo chiedere perdono. Questo, però, è soltanto un aspetto. Noi non celebriamo soltanto i 500 anni dall’inizio della Riforma, noi celebriamo anche i 50 anni di dialogo ecumenico tra cattolici e luterani: dobbiamo essere grati e riconoscenti per aver riscoperto in questo mezzo secolo tante cose che abbiamo in comune. Il terzo aspetto è la speranza. La speranza che questa celebrazione comune della commemorazione della Riforma ci aiuti a trovare nuova fiducia per il futuro.

D. – Quello attuale è un anno importante anche per il mondo ortodosso, con il Sinodo pan-ortodosso previsto per la primavera. Cosa significherà questo evento per il dialogo con il mondo ortodosso?

R. – Zunächst einmal wird es ein wichtiges Ereignis für die orthodoxen Kirchen sein, …
Prima di tutto, questo è un evento epocale per le Chiese ortodosse che negli ultimi mille anni non hanno più celebrato un simile Sinodo. Credo che il Patriarca ecumenico Bartolomeo avesse ben chiara la serietà della situazione, quando ha affermato chiaramente: “Gli ortodossi dicono sempre che sono una Chiesa sinodale: ora devono anche dimostrare al mondo di essere sinodali”. Dall’altro canto, sono convinto del fatto che, se nell’ambito del Sinodo pan-ortodosso le Chiese ortodosse riusciranno a trovare una maggiore unità tra loro, questo possa rappresentare un grande aiuto nell’affrontare e poi superare le difficoltà nel dialogo cattolico-ortodosso. Così io spero e prego che questo Sinodo pan-ortodosso possa veramente aver luogo a Pentecoste, come previsto.

D. – E’ previsto anche un importante incontro annuale con le Chiese ortodosse orientali al Cairo, quest’anno: quali sono le sue speranze per questo incontro?

R. – Wir haben in der Vollversammlung mit den orientalisch-orthodoxen Kirchen Anfang Februar …
Abbiamo in programma un’assemblea generale con le Chiese ortodosse orientali all’inizio di febbraio al Cairo. Questo incontro aprirà una terza fase; la prima fase ha trattato la costituzione e il centro della Chiesa, la seconda fase della “communio” e della comunicazione tra le Chiese nei primi cinque secoli. Ora iniziamo un dialogo sui Sacramenti, soprattutto sui Sacramenti dell’iniziazione: in primo piano ci sarà il Battesimo. Non è un argomento facile da trattare, perché alcune Chiese ortodosse orientali ancora praticano la ripetizione del Battesimo: per esempio, in occasione del matrimonio o della conversione. Questa, naturalmente, è una sfida importante perché il Battesimo e il riconoscimento comune del Battesimo rappresenta il fondamento dell’ecumenismo. In questo ambito, spero che riusciremo a trovare un maggiore consenso tra di noi.

© http://it.radiovaticana.va - 17 gennaio 2016


Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.

Build and Design
by Paul Freeman sDg

partner di
Novae Terrae
www.novaeterrae.eu